BANDO ACCUMULO VENETO ECCO TESTO, DOCUMENTI E DATE …

3-2-1… VIA! Il 19 esce la conferma ed il 21 viene pubblicato sul BUR il testo del Bando. Vediamo i punti salienti. Ovviamente è indispensabile che ogni utente che desidera partecipare al bando si legga tutto il testo del bando in modo da non commettere errori. (gli errori comporterebbero perdita di tempo il giorno del click day). E’ tassativo che sia l’utente a caricare la propria documentazione. Non è ammesso venga fatto da intermediari!

Sotto nei commenti se hai domande specifiche chiedi pure.

IL BANDO RIASSUNTO

  1. La domanda va presentata esclusivamente da soggetti privati titolari o che lo saranno di un impianto fotovoltaico su edifici o a terra per l’acquisto e installazione di un sistema di accumulo.
  2. Ogni nucleo familiare può presentare una domanda indipendentemente da chi detrae l’acquisto
  3. Il contributo è compatibile con la detrazione fiscale del 50%
  4. Il contributo erogato è pari a 50% della spesa sostenuta fino a un massimo di 3000€ (l’importo viene valutato in base alla capacità/durata/costo dell’accumulo e della sua installazione vedi successivo punto 10)
  5. Sono ammissibili gli interventi realizzati e pagati a partire dal 01/01/19 fino al 13/12/19
  6. Non sono ammesse spese differenti da quelle relative all’acquisto e all’installazione del sistema di accumulo
  7. Il sistema di accumulo deve essere installato su impianto al massimo di 20 kwp
  8. L’accumulo deve utilizzare tecnologia elettrochimica o meccanica (piombo o litio o volano)
  9. non possono partecipare al bando accumuli installati su impianti ftv con il primo conto energia (non è ammesso dal GSE)
  10. Il calcolo del contributo si compone di 2 quote (quota A in funzione all’efficienza della batteria; Quota B è pari al 50%della spesa sostenuta) . (Il calcolo è spiegato  al punto 7 dell’allegato A0)
  11. In generale a parità di costi si incentiva il sistema con una durata di vita più elevata e quindi più efficiente, mentre a parità di durata si finanzia il sistema meno costoso

LE FASI DELLA PROCEDURA

  1. Accreditamento possibile dal 24/6 al 31/7 attraverso il link https://siu.regione.veneto.it/GUSI
  2. Presentazione della domanda dal 8/7 al 31/7  attraverso il link https://siu.regione.veneto.it/DomandePRU/

ALLA DOMANDA VANNO ALLEGATI:

A) Marca da bollo da 16 euro B) Copia d’identità del richiedente C) Copia del preventivo o della fattura dettagliato in voci di costo per l’acquisto e installazione del sistema D) Copia del preventivo o della fattura dettagliato in voci di costo per l’acquisto e installazione del contatore aggiuntivo (eventuale per i Quinti conti) E) Dichiarazione dell’installatore del sistema di accumulo ( allegato A2)

Una volta ottenuto il contributo (nel senso che la domanda è stata accolta) è necessario fare richiesta di erogazione (entro il 13/12/19) sempre collegandosi al link https://siu.regione.veneto.it/GUSI allegando:

A) Fattura B) Dichiarazione installatore C)Regolamento esercizio stipulato con enel D)Ricevuta di avvenuta trasmissione comunicazione al Gse.

L’erogazione avviene in un’unica soluzione entro 60 giorni dalla richiesta.

Vuoi aggiungere un sistema d’accumulo al tuo impianto fotovoltaico? Vuoi ricevere i 3000 euro della Regione Veneto a fondo perduto? Guarda il risultato eccezionale che hanno ottenuto i miei clienti nel 2017 con il bando della Regione Lombardia! 100% di finanziamenti erogati con il massimo importo in prima istanza!

Vuoi vedere come lavoro? Guarda tutti i lavori eseguiti!

Vuoi sentire e vedere cosa dicono di me e del lavoro svolto dal mio Team i miei clienti? Ascolta le loro voci, guarda le video interviste

Chiedimi subito un preventivo da presentare per il bando! 100% soddisfatti. Il preventivo sarà vincolante solo ad ottenimento del contributo da parte della Regione Veneto!

Installazione del Powerwall2 di Tesla: ecco la prima!!!

installazione powerwall2Ci siamo, dopo tanta attesa, ci siamo. Oggi ho assistito alla prima installazione della powerwall 2 di Tesla. Nello specifico l’abbiamo installata da Roberto in un paesino della provincia di Padova.

Sono iniziate le consegne per l’Italia  e pertanto a breve ne verrano installate diverse e potremmo avere anche i primi dati relativi al rendimento.

Quali le prime impressioni? Innanzitutto, pesante. Molto pesante e robusta. Rispetto al powerwall la forma è più squadrata ed il case in metallo e non in plastica conferisce un’idea di maggiore compattezza e robustezza.  Adesso capisco come siano riusciti a stipare dentro un case così piccolo così tanta potenza. E’ un turbo compresso di energia da utilizzare di notte ed in caso di mancanza di produzione dell’impianto fotovoltaico anche di giorno. Insomma 13,5 kWh da poter sfruttare quando si vuole e come si vuole. Sì perché, rivediamo qualche dato tecnico. La batteria dispone di una potenza di picco di 7 kw ed una potenza in continua di 5 kWh (un’enormità). Significa anche che se si può scaricare a colpi di 5 kWh, la medesima potenza la si può anche immettere. Ecco pertanto che, a seconda della grandezza dell’impianto fotovoltaico al quale è abbinata, possiamo veramente caricarla in pochissimo tempo. (se vuoi vedere la scheda tecnica del powerwall 2 ti basta cliccare qui) 

Un esempio. Hai un impianto che sta producendo 3 kwh? Bene, con quella potenza per caricare la batteria impiegherai 13,5 / 3 = 4,5 ore. Pertanto con la potenza disponibile di 3 kWh impiegherai 4 ore e mezza per caricarla tutta. Ovviamente se hai un impianto che ne sta producendo 5 il ragionamento non cambia. 13,5 / 5 = 2,7 ore.  Se ti piacciono i calcoli e vuoi approfondire queste simulazioni, basate sulla pregressa esperienza di impianti già installati e funzionanti con il powerwall1 di Tesla, ti basta cliccare su questo link e leggere l’articolo. 

Per quanto concerne le prestazioni effettive dobbiamo attendere di poter allacciare la batteria all’impianto. Pertanto la settimana prossima sarà configurata direttamente dai tecnici Tesla dopodiché sarà pronta per l’allaccio. Essendo la prima batteria così potente in monofase installata dovremmo capire quali sono le tempistiche di Enel per l’ok all’allaccio. (Se vuoi essere prontamente informato sui prossimi passaggi – configurazione – allaccio – rendimento basta che tu ti iscriva alla newsletter mettendo la mail ed il tuo nome nell’apposita finestra  di inserimento in alto a destra. Se invece temi che ti spammi pubblicità di calzini e shampoo ti basta tornare sovente su questa pagina alla ricerca di novità… ) Entrambe le cose … sono gratuite ! ;)

Adesso lo so che ti starai chiedendo: “ma la batteria conviene, non conviene, quanto costa, quanto dura … sai quante bollette ci pago con il costo di un giocattolo del genere… ” Come dico sempre non esiste una risposta univoca. In ogni situazione bisogna vedere costi/benefici e tempi di rientro. E’ il mio lavoro e sono qui per aiutarti.

Qui in un articolo precedente trovi le info compresa un’indicazione sul prezzo … 

installazione powerwall 2Le certezze sono queste:  

1)E’ la batteria al momento sul mercato con la più alta capacità disponibile. 

2)E’ la batteria al litio con la potenza maggiore da erogare in continua 

3)E’ la batteria che ha il costo al kWh minore di tutte 

4)Fino al 31/12 la posso detrarre al 50% (solo su case con agibilità) sia se abbinata ad impianti esistenti sia se installata assieme a nuovi impianti 

Se ti vengono in mente un sacco di domande sul powerwall2 ti invito prima di tutto a leggere qui (le domande che mi vengono poste solitamente sul powerwall2).

Se dopo aver letto queste domande ti servono ulteriori informazioni puoi scrivere nei commenti qui sotto.

Se vuoi installare un powerwall2 mi puoi richiedere un preventivo gratuito.

Qui trovi i miei contatti.